Un “Parco” di idee

Agricoltura, sport, accessibilità e cultura...ti aspettiamo?

Ti piace camminare in compagnia? Fare sport all’aria aperta? Ami la musica e l’arte di strada? Ti piace l’idea di acquistare ortaggi coltivati sotto casa?

Se abiti nella zona ovest di Reggio Emilia, queste e molte altre sono le attività che si possono praticare e sperimentare al Parco Nilde Iotti, uno dei più gradi parchi della città che collega i quattro quartieri di Pieve Modolena, Orologio, Roncina e Regina Pacis.
L’idea di valorizzare il parco Nilde Iotti nasce dalla volontà di abitanti dei quartieri, centri sociali, cittadini e amministrazione comunale nell’ambito del Laboratorio Urbano, parte del progetto QUA_QUArtiere Bene Comune. Da un anno sono stati attivati progetti di cura, presidio e segnaletica del parco e azioni per favorirne la fruizione e la socialità attraverso l’arte e il movimento.
Vediamo cosa è accaduto in quest’anno e cosa ci aspetta nei prossimi mesi.approfondisci »

Il Parco Nilde Iotti diventa interattivo

Vivere e conoscere il parco con i propri smartphone

“C’era un laboratorio dedicato a questo quartiere: io ho partecipato agli incontri per predisporre un percorso didattico e ricreativo che, alla fine, abbiamo messo in pratica”.

Maria Grazia Cardillo, professoressa dell’Istituto Comprensivo Kennedy di Reggio Emilia, inizia così a raccontarci come è nata l’idea di coinvolgere i ragazzi nel Progetto “Vivere il Parco Nilde Iotti“.approfondisci »

Parco Nilde Iotti: un luogo per tutti i sensi

Quando un parco diventa un percorso multisensoriale per abbattere le barriere

“Emilia chiudi gli occhi e indovina questo oggetto. Che cos’è?” “Un tappo di sughero, da spumante”. Emilia ha indovinato al primo colpo, diventando una delle campionesse tra le signore della casa residenza  “Villa Le Magnolie” che sabato 14 ottobre hanno partecipato al percorso multisensoriale nel verde di Parco Nilde Iotti.approfondisci »

Parco Nilde Iotti, non è che l’inizio

Prosegue il percorso di riqualificazione con la firma del nuovo Accordo di Cittadinanza.

“Abbiamo colto questa occasione per contribuire a dare una vocazione a Parco Nilde Iotti – così mi racconta Daniela, una delle organizzatrici delle tante attività che ormai da mesi stanno dando nuova vita al Parco – Volevamo partecipare alla sua riqualificazione con ciò che potevamo dare nel nostro piccolo”.approfondisci »

La riscoperta di Parco Nilde Iotti

Un percorso botanico per valorizzare il verde reggiano

“Tutti dicono di amare il verde infatti, ma quanti possono dire di conoscerlo veramente?”, così scherza cordialmente lo scrittore ed ex Professore Ugo Pellini. “La riqualificazione di questo parco – continua – ci ha dato la possibilità di farlo conoscere a tutti, di raccontare la grande biodiversità che lo caratterizza”.approfondisci »

Piantiamo le idee

Si entra nel vivo col laboratorio urbano di Parco Nilde Iotti

Irene è una giovane mamma allegra e solare. Abita nei pressi del parco Nilde Iotti e spesso le capita di attraversalo in bici con la sua famiglia. Ama tanto il verde ed è piena di idee su come valorizzare quell’angolo cittadino che tanto frequenta. Decide così di presentarsi venerdì 10 marzo in sala Zavattini, zona Pieve Modolena, per partecipare al terzo incontro di co-progettazione del laboratorio urbano di parco Nilde Iotti, insieme a tanti altri cittadini, alle associazioni del territorio e agli architetti di quartiere del Comune che seguono in prima persona il progetto.approfondisci »

Grandi idee per un grande spazio

Nasce il laboratorio urbano per Parco Nilde Iotti.

Ada è una signora sulla settantina e abita da sempre a Pieve Modolena, per la precisione vicino al Centro Sociale “La Mirandola”. Da quando è andata in pensione ha più tempo libero a disposizione, così ha deciso di prendere due cani labrador che le fanno compagnia nelle lunghe passeggiate che ama fare nei parchi intorno a casa sua. In particolare ama molto il grande parco Nilde Iotti ma si rende conto che questo spazio potrebbe venir sfruttato meglio con maggiori iniziative per gli amanti degli amici a quattro zampe. Vorrebbe dire la sua.approfondisci »