Da centri sociali a Case di quartiere: avanti col percorso

Online il bando per la gestione di dieci centri sociali

    C’è tempo fino al 25 luglio 2022 per partecipare al nuovo avviso pubblico per l’assegnazione della gestione e la trasformazione di dieci centri sociali in Casa di quartiere: possono partecipare tutti gli enti del terzo settore, in forma singola e associata. I centri sociali interessati dal bando sono: Biasola, Buco magico, Fogliano, La Capannina Paradisa, Rosta Nuova, Orti Montenero, Tricolore, Nuovo Gramsci La Casetta, Carrozzone e Orologio.

    Case di quartiere: un progetto, un’idea un percorso

    L’avviso pubblico si inserisce nel percorso promosso dall’Amministrazione comunale a partire da luglio 2021 per rinnovare 27 centri sociali cittadini, per rendere questi luoghi sempre più punti di riferimento per i propri quartieri, in grado di rispondere ai nuovi bisogni di prossimità emersi durante la pandemia.

    Grazie a tavoli di co-progettazione che hanno visto il contributo degli attuali gestori dei centri sociali e di altri soggetti del quartiere, sono state messe a sistema le diverse esperienze dei territori e le proposte, al fine di realizzare possibili nuove soluzioni di servizio, attività sociali e di prossimità, cura dei beni comuni e dello spazio urbano, producendo impatti significativi nei beneficiari e nelle comunità dei quartieri di riferimento.

    L’idea alla base del progetto è di accompagnare i centri sociali verso la loro progressiva trasformazione in ‘Case di quartiere”, punti strategici per piccoli servizi a favore della comunità di riferimento, come il portierato sociale, o per la realizzazione di spazi per informazioni alla cittadinanza o per l’alfabetizzazione digitale e l’accesso ai servizi on line che oggi costituisce un requisito di cittadinanza.

    Una Casa di Quartiere può essere: un luogo sociale, intergenerazionale e interculturale; un centro di progettazione ed erogazione di servizi alla persona; un luogo di cura del quartiere inteso come spazio pubblico (cura del territorio); un luogo di governance multilivello.

    L’obiettivo è rafforzare e sviluppare ulteriormente il ruolo dei centri sociali e renderli sempre più punti di riferimento per attività sociali, sportive, culturali, di comunità, civiche, ambientali e digitali. La nuova fase di co-progettazione inclusiva dei centri sociali è dunque il riconoscimento del valore e del ruolo ricoperto da questi luoghi nella storia della comunità reggiana: un patrimonio di tutti che ha il proprio punto di forza nella funzione di presidio sociale che tuttora i centri sociali svolgono quotidianamente a supporto di tutte le aree della città, dalle più centrali alle più periferiche ed è in linea con la riformulazione del modello di decentramento che rimette al centro la comunità, i quartieri e gli attori della società civile attraverso il progetto Qua_Il quartiere bene comune.

    Ha detto Lanfranco de Franco

    “Riprendiamo il percorso di co-progettazione per la trasformazione dei centri sociali cittadini in ‘Case di quartiere’, con l’obiettivo di renderli sempre più punti di riferimento nei quartieri, luoghi di aggregazione e servizio delle comunità – dice l’assessore alla Partecipazione Lanfranco de Franco – Il nuovo bando riguarda 10 centri sociali, che si aggiungono alle prime dieci realtà coinvolte nella prima fase del percorso, che si è conclusa con successo nel 2021 e che ha permesso di valorizzare il loro grande patrimonio storico e sociale, già apprezzato da migliaia di reggiani che li frequentano abitualmente”.

    “L’obiettivo è quello di lavorare con le associazioni e le realtà del territorio per mettere a valore l’esistente, arricchire l’offerta e raggiungere sempre più persone, trasformando questi luoghi in punti di servizio di prossimità per i residenti dei quartieri – prosegue l’assessore de Franco – In questo percorso, e visto anche il momento di grande difficoltà che il mondo del volontariato sta attraversando in questa fase di uscita dal Covid, come Amministrazione comunale ci impegniamo a sostenere tutte queste realtà di aggregazione e promozione sociale che svolgono un ruolo prezioso nella quotidianità e che vanno supportate perché rappresentano il dna storico e connotante di questa città”.

    Come partecipare

    Gli interessati alla gestione dei dieci centri sociali dovranno presentare un progetto che illustri le attività che saranno realizzate, al fine di promuovere innovazione sociale e valorizzare al contempo le risorse presenti nella comunità, favorendo la partecipazione degli utenti alla definizione e gestione dei servizi e nella loro realizzazione.

    La domanda di partecipazione – a pena di esclusione – deve essere redatta sulla base del modello presente sul sito www.comune.re.it, entro e non oltre le ore 12 del giorno 25 luglio 2022.

    Vedi anche:

    > Il report del percorso 2019-2020: “Il percorso di co-design delle Case di quartiere”

    > Il report del percorso 2021-2022: “Il percorso di co-progettazione delle Case di quartiere 2021”

    > Il video di uno dei laboratori svolti da Social SeedL’articolo scritto da Francesca Battistoni e Giulia Sateriale “Le case di quartiere del futuro: apertura alla comunità, talenti e nuove competenze

    Pubblicato il

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    6 + 8 =

    Go to top