Qual’è la tua idea di teatro?

A Cadè si sta insieme inventando mondi

Quante e quali sono le ragioni per cui iniziare a fare teatro?

A sentire i giovani partecipanti al corso teatrale di Cadè, tante e diverse! Chiunque si avvicini infatti a quest’arte sa che c’è sempre una ragione particolare dietro alla scelta di affrontare qualcosa di così semplice, ma così impegnativo allo stesso tempo.

Eugène Delacroix diceva sul teatro: “è una delle testimonianze più certe del bisogno dell’uomo di provare in una sola volta più emozioni possibili”.

Grazie a Luca del Monte, al progetto N.E.T. e quindi all’associazione Papa Giovanni XXIII, ogni giovedì al Circolo Arci Pablo Neruda di Cadè i bimbi e ragazzi della frazione possono provare e mettersi in gioco anche in questo ambito.

Il corso, ad iscrizione, è partito da un mese ed è aperto a tutti, anche solo per passare un pomeriggio diverso dal solito.

Ma le ragioni, quindi?

Seduti attorno a un tavolo ci presentiamo e a turno le ragazze mi raccontano cosa le ha portate qua: Anna vuole arrivare al cinema ­e pensa che questo sia un ottimo modo per partire, Francesca ha desiderato fare teatro fin da piccola, Ludovica va più sul pratico: “è un’idea carina e poi è vicino a casa” dice nell’ilarità generale; Laura e Maria invece lo fanno per sbloccare la loro timidezza. In effetti secondo Sigmund Freud la psicoanalisi si impara innanzitutto su sè stessi, mediante lo studio della propria personalità; anche se qui non si parla della prassi terapeutica, ma della teoria dell’inconscio dell’animo umano. Qual è il miglior modo di studiarsi quindi, se non quello di creare qualcosa dal nulla, con l’aiuto della propria immaginazione e di quella dei propri compagni e attraverso l’uso di mille emozioni diverse? La timidezza qua è bandita, ci si trasforma in tante persone diverse per poi arrivare a capire (se si è fortunati) qualcosa in più di noi stessi.

L’ultimo intervento è di Luca, che guida questo corso e che dice con un sorriso: “faccio teatro perché non potrei fare nient’altro, se non faccio teatro non so neanche chi sono”.

E voi sapete già chi siete?

Ottavia Dallaglio

Il progetto ‘Tre Ville a teatro” fa parte dell’Accordo di Cittadinanza di Cella, Cadè e Gaida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *