Consulte dei quartieri: dall’ascolto ad azioni concrete

85 proposte approvate nel Bilancio del Comune: la voce dei cittadini diventa azione amministrativa

Reggio Emilia si sta trasformando grazie alla collaborazione attiva dei suoi cittadini. Le Consulte dei quartieri e i Patti d’Ambito sono tra i motori di questo cambiamento, permettendo alla comunità di influenzare direttamente la pianificazione e l’implementazione dei progetti nei propri quartieri. Il Consiglio Comunale di Reggio Emilia, durante la sessione del Bilancio previsionale, ha infatti dato il via libera alle proposte di interventi emerse dai quartieri attraverso i nuovi strumenti di partecipazione  e sintetizzate nei Patti d’Ambito.

Le proposte elaborate sono state illustrate alla città, durante la prima riunione della Consulta cittadina dei quartieri, presenti il sindaco Luca Vecchi l’assessore alla Partecipazione Lanfranco de Franco. Questo evento ha rappresentato un momento fondamentale di condivisione e trasparenza, coinvolgendo i rappresentanti delle Consulte d’Ambito ma anche le associazioni e il mondo del volontariato.

In apertura dell’assemblea, è stato mostrato un video emozionante che raccoglie le testimonianze di alcuni dei coordinatori delle Consulte dei quartieri, i quali hanno condiviso il significato profondo della loro partecipazione a questo importante processo di costruzione comunitaria. Puoi guardare il video completo su YouTube qui.

Ascolto e azione

Le Consulte di Quartiere sono l’anello di congiunzione tra la comunità e l’Amministrazione Comunale. Grazie a queste strutture, parte integrante del protocollo collaborativo Quartiere bene comune, i cittadini possono esprimere le proprie esigenze e priorità, che vengono poi tradotte in azioni concrete. L’ascolto attivo e la partecipazione sono i pilastri su cui si basa questo processo, permettendo a tutti di sentirsi coinvolti nella costruzione del futuro della propria città. 

La forza dei numeri

I numeri parlano chiaro: 85 istanze e soluzioni emerse da 250 membri delle Consulte, riunitisi in oltre 200 incontri con la partecipazione di circa 4000 persone. Questi dati testimoniano l’entusiasmo e l’impegno della comunità nel plasmare il proprio contesto urbano. Le tematiche affrontate spaziano dall’ambiente alla sicurezza, dalla viabilità ai servizi per le famiglie, con progetti diversificati e mirati a migliorare ogni aspetto della vita quotidiana nei quartieri.

Focus sui temi emergenti

Tra i temi emersi in modo trasversale a diversi ambiti territoriali c’è la cura del verde (ad esempio: riqualificazione dei parchi Mirandola e della Pace, istituzione dell’area naturale protetta del Rodano, nuovo parco del Crostolo), la cura della viabilità e delle connessioni, specialmente nei quartieri dove grandi infrastrutture come Alta velocità, autostrada e tangenziali creano fratture; gli interventi riguardanti la sicurezza attraversano tutti i territori, intesa come maggior presidio del territorio, contrasto al degrado urbano, ma soprattutto come risultato di investimenti mirati a favorire la crescita sociale, specialmente tra i giovani e in quei territori dove drammaticamente si verifica il fenomeno delle baby gang.

Tra i temi emersi con maggiore rilevanza vi è anche la manutenzione del patrimonio pubblico e delle infrastrutture materiali e immateriali. Le proposte avanzate riflettono questa varietà di interessi e necessità: si va dall’introduzione di figure professionali come lo spazzino di quartiere e il vigile urbano di comunità, alla riqualificazione di luoghi abbandonati da ripensare come presidi sociali, come l’ex gasometro. Inoltre, si punta all’incremento delle greenway, promuovendo un maggiore contatto con il territorio e il paesaggio, al fine di rendere la città più attrattiva e vivibile per tutti i suoi abitanti. Queste iniziative non solo migliorano l’aspetto fisico della città, ma promuovono anche un senso di appartenenza e responsabilità civica tra i cittadini.

Traduzione in azioni concrete

Queste proposte, che riflettono le reali esigenze e priorità dei cittadini, sono state confermate e integrate nel Bilancio previsionale, dimostrando il successo e l’efficacia del processo partecipativo promosso dall’Amministrazione Comunale. La collaborazione tra istituzioni e comunità locale si conferma quindi come fondamentale per costruire una città più inclusiva, sostenibile e vivibile per tutti.

Incontri sul territorio per presentare gli interventi

Le Consulte stanno attivamente coinvolgendo i propri territori nella conoscenza delle proposte contenute nei loro Patti d’Ambito. Attraverso una serie di incontri sul territorio, stanno presentando in dettaglio le iniziative e i progetti che saranno realizzati e che potrebbero trasformare concretamente la vita nei quartieri. Il calendario di questi incontri è disponibile sul portale eventi del Comune.

Accesso alla partecipazione: la consulta cittadina su YouTube

La riunione della Consulta cittadina dei quartieri è stata resa accessibile a tutti attraverso la sua integrale pubblicazione su YouTube. Ogni cittadino può rivivere e approfondire i contenuti e le discussioni emerse durante questo importante incontro.

Scopri di più sulle Consulte, visita il sito comune.re.it/consulte

Le Consulte sono un caso pilota del progetto europeo Euarenasfinanziato dal programma UE Horizon2020 per la ricerca e l’innovazione con convenzione No.959420

Pubblicato il Tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − 15 =

Go to top