Un mondo a misura di bimbo

Il centro sociale Primavera di Masone ripensato per i più piccoli

Antonietta è una designer che dopo esser diventata mamma di Michele si è avvicinata al mondo dei bambini. Ha iniziato da subito ad occuparsi di progetti rivolti ai più piccoli: dall’ideazione di arredi alla creazione di giochi, dalla progettazione di spazi all’autoproduzione di abbigliamento per bambini. La scorsa primavera Antonietta ha deciso di offrirsi volontaria per ripensare l’organizzazione della sala del centro sociale Primavera di Masone.approfondisci »

Marmirolo è born to run

Una corsa amatoriale al tramonto per vivere lo sport e la natura

A pochi passi dalla caotica via Emilia, la frazione di Marmirolo si ritaglia la pace della vita rurale. In estate le cicale rompono la calura con il loro frinire, accompagnate da altri animali e qualche trattore. Un luogo ideale per scaricare lo stress delle giornate intense, magari facendo due passi o una corsa.approfondisci »

Bellezze in bicicletta

Greenway, cura del territorio e sicurezza stradale a Gavassa.

Giulio è un pensionato di Massenzatico, ama la bicicletta, ma non è tranquillo nel fare le strade vicino a casa sua perché troppo strette e trafficate. Alessandro vive a Gavassa, ha trentanni. Ama andare a lavoro in bici, ma è preoccupato perché le macchine sfrecciano troppo veloci nel tratto che deve percorre ogni giorno.

Vivere in campagna si sa è il sogno di molti, ma per apprezzare questa scelta occorrerebbero piste pedonali e ciclabili, lontane dal traffico e dallo smog. approfondisci »

Nasce QUAderno

Notizie, storie e testimonianze dai quartieri.

Quaderno racconta storie. Vere. Con le parole e con le immagini.
Sono le storie dei protagonisti di QUA, quartiere bene comune.
Le storie sono quelle delle cittadine e dei cittadini che, singolarmente o con la loro Associazione di appartenenza, costruiscono giorno dopo giorno progetti che migliorano il quartiere e la vita delle persone che lo abitano. Grazie al confronto con il Comune, ma soprattutto alla loro voglia di fare, di rendersi utili e sentirsi cittadini.
Sono piccole storie. Non fanno notizia sulla stampa forse neanche domani, negli annali.
Però, in quelle storie, c’è la vita delle persone: il loro tempo, la loro competenza, le loro relazioni, il loro entusiasmo. Messo lì, a disposizione, per il bene di tutti.
E a noi non sembra poco, anzi. Allora lo vogliamo raccontare: questo spazio è per quelle storie.
Così scoprirete quanti reggiani hanno voglia di prendersi delle responsabilità e pensare al plurale: il quartiere, e la sua comunità, come bene comune.
Le storie sono scritte con passione dai ragazzi della redazione di ‘rumore’, la web radio dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Seguiteci.
E se anche voi avete un’idea o un progetto, chiamateci o scriveteci. Noi ci siamo. Anzi siamo QUA.