Energie positive alla Casa della Partecipazione

Un corso di Sahaja Yoga per riscoprire se stessi insieme agli altri.

“Sono un insegnante, ma il mio obiettivo finale è quello che ognuno diventi maestro di se stesso”. Con queste parole si presenta Lorenzo Castelli, insegnante del gruppo di Sahaja Yoga che da Febbraio si incontrerà alla Casa della Partecipazione di Rivalta.

In sanscrito sahaja significa  innato, spontaneo. Fondata negli anni Settanta, questa tipologia di yoga è più che altro un’esperienza per la realizzazione di sé. “Sahaja Yoga non è uno sport, non richiede posizioni particolati perciò si adatta facilmente a tutti. È un modo per conoscere la ricchezza e le energie presenti in noi” spiega Lorenzo. “È un tipo di yoga internazionale; al mondo ci sono più di cento paesi che lo praticano. Noi vorremmo riunire le forze e creare un gruppo importante nella nostra città”.

La storia che ha portato il gruppo di meditazione al polo culturale di Rivalta è curiosa e dettata da un destino di connessioni più o meno energetiche. “Il tecnico del wi-fi che ha aiutato a ottimizzare la rete Internet della Casa della Partecipazione – racconta Lorenzo -frequentava il nostro gruppo di Sahaja Yoga ed ha proposto di trasferirci in questo nuovo luogo di aggregazione. Quindi abbiamo partecipato agli incontri organizzati con gli altri cittadini, dove abbiamo raccontato chi siamo e la nostra esperienza al Parco di Rivalta”.

Durante la scorsa estate, infatti, Lorenzo e gli altri componenti del gruppo hanno avuto l’occasione di dimostrare alcune pratiche di meditazione a cielo aperto. Ora hanno a disposizione gli spazi della Casa della Partecipazione: “grazie agli accordi di cittadinanza abbiamo ora a disposizione una sala per un anno per fare attività già a partire dai mesi invernali: il nuovo corso inaugurerà a febbraio”.

Lorenzo ci ha raccontato entusiasta delle lezioni a cielo aperto: “Le persone si sentono bene al Parco di Rivalta perché quel verde è qualcosa che ci appartiene, che è dentro di noi anche se non lo conosciamo a fondo. Con il corso di meditazione vorremmo rendere chiara questa consapevolezza, vorremmo aiutare le persone a gioire a occhi chiusi della ricchezza che ci circonda. Ovviamente lo si impara anche nella sala della Casa della Partecipazione durante l’inverno, perché non importa dove siamo ma ciò che abbiamo dentro”.

Durante l’intervista abbiamo parlato di energia, volontà, consapevolezza e luce. La stessa luce brillante degli occhi di Lorenzo: positivi ed entusiasti di vivere il presente in un luogo dedicato alla comunità.

Chiara Ugosetti
Foto: Federico Contini

Ascolta il podcast della puntata #23 di Rumore Web e scopri i contenuti dell’Accordo di Cittadinanza di Rivalta, Coviolo e San Rigo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *